venerdì 27 marzo 2020

Il Segreto: Puntate ridotte: Perché le lamentele sono inutili


Da qualche settimana, come già noto, le puntate de Il Segreto sono state ulteriormente ridotte: ne va in onda poco meno di mezza dal lunedì al sabato e non è più garantito l'episodio lungo nel giorno domenicale ma perché? 

Lo abbiamo già spiegato più volte in merito alla situazione italiana (e vale anche per la Spagna) ma torniamo a parlarne, dal momento che ci sono arrivate varie richieste di delucidazioni e/o lamentele; è vero che la soap non va più onda anche la domenica a causa della sospensione di Domenica Live, a cui faceva da traino, causata ovviamente dall'emergenza mondiale CoronaVirus ma il problema è sopratutto un altro: il doppiaggio


Spesso non si tiene conto che Il Segreto è una produzione spagnola che per essere trasmessa da Canale 5 necessita di tutta una serie di maestranze che la adattino al nostro Paese, non solo dal punto di vista del doppiaggio ma anche dei dialoghi. Per consuetudine queste professionalità ci sembrano presenze astratte ma non lo sono. Doppiatori, dialoghisti, fonici sono persone esattamente come noi e in ragione dei vari Decreti emessi dal Governo, in questo momento non possono lavorare per motivi di sicurezza ma anche perché non costituiscono "attività essenziale" per il nostro Paese. 

L'archivio delle puntate già adattate e doppiate de Il Segreto e non ancora trasmesse da Canale 5, come si può supporre, non è eterno e dunque Canale 5 per garantire la continuità della messa in onda della soap, in questo momento, è costretta a mandarla in onda col contagocce, proprio per evitare di doverla sospendere, privando il proprio pubblico un'altra forma di intrattenimento, come già avvenuto per altre trasmissioni italiane e non. Riassumendo: meglio poco quasi tutti i giorni che nulla, no?

E' naturale il dispiacere di poter seguire puntate lunghe della propria soap del cuore, quando si è costretti a casa ma è necessario avere pazienza, essere grati per ciò che ci viene offerto e sperare che tutti possano riprendere a lavorare al più presto, perché significherà che l'emergenza è stata superata. 

Le lamentele, sopratutto in questo frangente, non servono a nulla. Aspettiamo, rimaniamo a casa, adottando le misure di sicurezza richieste dal Governo. E andrà tutto bene. 

2 commenti:

  1. Ci sta tutto.....ma la pubblicità è esagerata....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Canale 5 è una tv commerciale che ora più che mai per continuare ad esistere ha bisogno di introiti pubblicitari. Comprensibile che dia fastidio troppa pubblicità ma anche loro, come tutte le altre aziende del mondo, sono in difficoltà. E danno lavoro a tanta gente, quindi un po' di pazienza

      Elimina